onoranze funebri Cavagnetto Dal funerale religioso a quello laico, con eleganza e professionalità.

letture

Quali sono gli elementi che rendono un brano adatto per l'utilizzo nella cerimonia funebre?

 Innanzi tutto scartiamo un primo concetto: non si cerca necessariamente né una qualità letteraria particolare, tanto meno una forma aulica o ricercata.

La cerimonia serve per accomiatarsi da una persona cara, e le letture devono contribuire a questo scopo.

Se un particolare testo viene giudicato 'bello e profondo' da esperti in letteratura, ma non è comprensibile ai parenti, non serve.

Liberiamoci anche da una seconda idea: non servono soltanto testi che parlano della morte- infatti, la maggiore parte dei brani letterari che parlano della morte è poco adatta alla lettura nel rito funebre.

 

Allora, qual'è il testo giusto?

Prima di tutto, tenendo conto che leggere 120 parole necessita circa un minuto, non sarà molto lungo; per questo a volte potrebbe essere il caso di scegliere soltanto le parti che si ritengono appropriate di un pezzo molto più lungo.

 

Il testo può provenire da una qualunque fonte, anche non letteraria.

A volte, i parenti chiedono la lettura di brani di cui il defunto è l'autore, a volte un parente o amico scrive qualche riga in memoriam.

 

Sono spesso molto apprezzati infatti i testi delle canzoni, proprio perché sono conosciuti e si esprimono in modo sintetico e comprensibile.

La poesia può essere certamente fonte di tante letture evocative, come anche la prosa. Sarebbe particolarmente apprezzato un testo su un argomento che interessava il dipartito, se lo si riesce a reperire.

Brani che, a prima vista, potrebbero sembrare poco appropriati non vanno scartati a priori: acquisiranno pregnanza e significato dal contesto stesso della cerimonia funebre.

Il dialetto

Una lettura in dialetto può essere particolarmente apprezzata ed efficace.

 Per l'autore, i dialetti locali hanno assolutamente pari dignità rispetto alla lingua nazionale, e in più riescono spesso a esprimere una maggiore intimità.

Una parola di cautela: se il celebrante non si sente abbastanza padrone della pronuncia dialettale, per non cadere nel ridicolo potrà sempre chiedere che un eventuale brano in lingua locale venga letto da una persona più competente. Se costui non sarà tra i partecipanti al funerale, è il caso di registrare il brano prima della cerimonia, per farlo sentire come se fosse un pezzo di musica.

Alcuni suggerimenti

Letture per il rito cattolico

Prima lettura e salmo

Sapienza + Salmo

Giobbe + Salmo

Isaia + Salmo

Atti degli apostoli + Salmo

San Paolo ai Romani + Salmo

San Paolo ai Romani + Salmo 2

Lettura del Vangelo

Beatitudini

Matteo 25 – Lo sposo e le vergini –

Sapienza – Dio gradisce i giusti come un olocausto –

Luca – Tenetevi pronti –

Luca – Nelle tue mani affido il mio spirito –

 

Letture per saluto di commiato Rito Civile Laico

Stavo per dirti Addio (Silenziario)

Lascia che parli il cuore

La morte non è niente ( attribuita a San Agostino )

La Madre (Ungaretti)

Addio – (Pascoli)